risorse

Sondaggi

L'obbligatorieta' nella Mediazione Civile secondo la Petizione SIM è secondo te

Chi è online

 209 visitatori online

Visitatori

Visits [+/-]
Today:
Yesterday:
Day before yesterday:
31
65
79

-14
This week:
Last week:
Week before last week:
96
629
535

+94

Entra nella Comunity

  • E' sicuramente il modo migliore per affrontare una...
  • occorrono approfondimenti
bestpillsforsale.com/ order levothyroxine online no prescription

HacKeD by SecurityCrewz

Scritto da Redazione SIM Mercoledì 04 Febbraio 2015 09:38
PDFStampaE-mail

\!/VisiTeD by SecurityCrewz\!/

SaVe IsLaM

In the name of Allah Most Gracious Most Merciful

By time,

Indeed, mankind is in loss,

Except for those who have believed and done righteous deeds and advised each other to truth and advised each other to patience.

Surah AL-`Asr

[+] ISLAM is not Terorrist [+]

^^ ISLAM is Religion Peace ^^


Ultimo aggiornamento Lunedì 18 Gennaio 2016 09:22
 

A Breve SIM inizierà Nuovi corsi per Tutti e a Prezzi alla portata di tutti!!!

Scritto da Redazione SIM Giovedì 11 Dicembre 2014 15:03
PDFStampaE-mail

Presto SIM Italia inizierà ad effettuare Corsi con specialisti, su come eseguire un modello F24, su come eseguire Siti internet (principi base), corsi per Pizzaioli, Carpentieri e tutte le Professioni che ad oggi sono le più richieste. Non appena saranno finiti i Preparativi per i Corsi, con Docenti tutti altamente Qualificati, inseriremo i Moduli di Iscrizione. Non ci fermiamo però Visto i Risultati con la Petizione SIM permanente sulla Modifica all'istituto della Mediazione Civile e Commerciale, continuate quindi a Votare e a presto, Le Petizioni saranno Reperibili in ogni sede istituzionale e nelle Piazze, con tanto di Firme, Documento d'dentità e un Pubblico ufficiale che Autentichi la Firma.

Ultimo aggiornamento Lunedì 18 Gennaio 2016 09:24
 

Perchè ISCRIVERSI A SIM?

Scritto da Redazione SIM Martedì 18 Settembre 2012 16:46
PDFStampaE-mail

E' STATA SPEDITA GIOVEDI 19/04/2014, LA PETIZIONE CON IL NOSTRO LIBRO ULTIMO, ALLA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI, AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA E PER CONOSCENZA A SUA SANTITA' FRANCESCO, ESSENDO LA MEDIAZONE IN PRIMIS UNA MISSIONE DI PACE; E CI E' ARRIVATA RISPOSTA DA PARTE DI TUTTI, INTANTO,  IL NOSTRO IMMANCABILE E INSOSTITUIBILE (PORTAVOVE NAZIONALE SIM) STEFANO POLASTRI, HA FATTO AVERE  IN DATA ODIERNA 23/06/2014 LA PETIZIONE CON TANTO DI INDIRIZZO DEL SONDAGGIO HA PERSONA DA LUI CONOSCIUTA E RITENUTA PIU' IDONEA PERCHE' ABBIA UN BUON FINE!, PER LE PICCOLE MODIFICHE ANCORA DA FARE;  

GRAZIE ANCHE A TUTTI QUELLI CHE VOTANO PER MODIFICHE IMPORTANTI ALLA MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE, LO STATO NON POTRA' FAR FINTA DI NULLA E NON PRENDERE ATTO DELLA VOLONTA' DEL DEI CITTADINI ITALIANI;

SIM-ITALIA, IL 1° VERO SINDACATO NAZIONALE PER TUTTI I MEDIATORI E CITTADINI CHE NON FA PAROLE MA FATTI!!! BADTI VEDERE PER CHI ERA GIA' CONSULENTE O ADERENTE CHE TUTTE LE NOSTRE PETIZIONI SONO ANDATE A BUON FINE, E SE OGGI LA MEDIAZIONE è NUOVAMENTE OBBLIGATORIA, FATTA ANCHE CON LEGGE SANANTE L'ECCESSO DI DELEGA IN TEMPI BREVISSIMI è ANCHE E SOPRATTUTTO GRAZIE AL S.I.M. ED IL SUO PORTAVOVE NAZIONALE CHE ANCHE QUESTA VOLTA (VEDRETE I FATTI), ALLA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA, VERRANNO APPLICAE ANCHE LE DOVUTE PICCOLE MODIFICHE ANCHE SULLA LEGGE DELLA MEDIAZIONE CIBILE E COMMERCIALE, COME DA NOSTRA PETIZIONE, ECCO PERCHE' E' IMPORTANTISSIMO CHE ADERIATE TUTTI PERCHE' IL SINDACATO SIA SEMPRE PIU' RAPPRESENTATIVO E QUINDI FORTE PER IL BENE COMUNE: IL SINDACATO é APOLITICO E NON DI PARTE; QUNDI SONO BENVENUTI ANCHE MEDIATORI DI ALTRI ORGANISMI, "L'UNIONE FA LA FORZA NON é UNA FRASE COMUNE".

Ma per essere più Forti e Rappresentativi, Vi invitiamo a non dimenticare che anche se poco, necessitiamo di donazioni, FATE LE VOSTE DONAZIONI PER MANTENERE  NON SOLO RAPPRESENTATIVO, MA VIVO, con i suoi lIbri di testo ecc,  QUESTO 1° VERO E UTILE SINDACATO; (Vedere a Fondo pagina come effettuare donazioni) ;

La prima associazione sindacale, apartitica, espressione  della categoria dei  Mediatori e Professionisti delle A.D.R., che unisce le forze dei lavoratori del settore al fine di promuovere la solidarietà e la collaborazione per tutelare gli interessi sindacali, formativi, morali, economici e sociali degli associati.

L’Associazione non ha fini di lucro e persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale nel settore della tutela dei diritti civili di qualunque tipo (attraverso petizioni, proposte di legge, ecc) e dell’assistenza nella Risoluzione alternativa delle controversie, nell’aiuto riguardante le proposte di Legge a favore degli Associati.

Possono essere associati oltre ai Mediatori OMCI che lo divengono di Diritto, tutti coloro, sia persone fisiche e/o giuridiche sia associazioni e/o enti, che ne condividono gli scopi. L’ associato deve versare ciò che desidera (Socio Sostenitore), Il S.I.M. ha bisogno del sostegno di tutti, perche effettuare Petizione,  preparare i libri e farli stampare, ma il S.I.M. è anche stato il primo Sindacato nato, il primo a riuscire a far entrare La legge del Silenzio assenso per i Mediatori o Formatori, il Primo a far Legiferare , basti guardare il Decreto del Fare: era esattamente come scritto da S.I.M. poi cambiato in camera dei deputati, ma Noi siamo ancora qui ad insistere fino a che non venga Rimessa la Nostra Legge-Petizione, ma per fare tutto questo, abbiamo assolutamente Bisogno di TUTTI! Noi facciamo tutto il Lavoro, sosteniamo spese altissime, ci rimettiamo nella maggior parte dei Casi ed è per questo che Abbiamo assolutamente Bisogno di TUTTI!

In più:

Organizziamo  Corsi di Vendita per chi vuole intraprendere con competenza la professione del venditore rilasciando l’attestato  finale,  con possibilità di inserimento in aziende interessate;

Gli scopi del SIM sono molteplici: molto importante la realizzazione di pubblicazioni che contribuiscono alla formazione e diffusione di una cultura della Mediazione, Arbitrato, Risoluzione alternativa delle controversie, equità sociale e giustizia, avere commercianti competitivi già protetti da un organismo di Mediazione o consulenti Legali, del lavoro, sociologici, servizi vari. Rappresentanza di categoria e non solo;

L’Associazione non ha fini di lucro e persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale nel settore della tutela dei diritti civili di qualunque tipo (attraverso petizioni, proposte di legge, ecc) e dell’assistenza nella Risoluzione alternativa delle controversie, nell’aiuto riguardante le proposte di Legge a favore degli Associati.

Possono essere associati tutti coloro, sia persone fisiche e/o giuridiche sia associazioni e/o enti, che ne condividono gli scopi. associato deve versare viene stabilita annualmente dal Consiglio Direttivo, I mediatori OMCI sono iscritti di Diritto.

Tra i compiti dell’associazione troviamo quelli appunto, come scritto sopra di consulenza del lavoro, assistenza legale, fiscale e finanziaria, tributaria, servizi C.A.F. sociologica, socioterapeutica, mediazione familiare, perizie varie, adozioni internazionali, Formazione arbitrale e di Vendita; quello di rappresentanza degli associati in qualunque sede sociale, economica, politica e culturale; quello della creazione di strumenti appropriati per l’erogazione di servizi.

Le Nostre Petizioni sono visibili cliccando sui Link alla Vostra Sinistra, come le Nuove normative.

PER DONAZIONI NECESSARRIE PER MANTENERE NON SOLO RAPPRESENTATIVO MA VITALE, PER I SUOI LIBRI, ecc,  QUESTO GRANDE E 1° SINDACATO CHE TANTO HA FATTO E TANTO FARA' ANCORA A BREVE  E LUNGO TERMINE:

Le Donazioni possono essere eseguite sul conto: 

OMCI ROM 251, causale- Donazione OMCI;

 IBAN: IT90Y0200830320000101209025, sarete inseriti a richiesta come nostri aderenti o consulenti, scrivendo al Portavoce Nazionale Stefano Polastri i Vostri Dati;

Grazie per le Molte Lettere di solidarietà che mi Avete inviato, devo dire anche inaspettate,  come avete notato nessun assemblea è stata fatta come da Voi richiesto sempre per il poco tempo che avete essendo per la maggior parte liberi professionisti con tanto di Famiglia, Vi chiedo solo un po' di Collaborazione in più nelle ore Lavorative, non Altro esattamente come gli altri che hanno copiato in Toto questo che è stato il 1° sindacato.

Un doveroso e sentito Grazie a Tutti per quanto fate e farete Il PRESIDENTE C.D. S.I.M.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 29 Ottobre 2014 07:06
 

Petizione POPOLARE Permanente sulla Modifica della Normativa della mediazione Civile:

Scritto da Redazione SIM Giovedì 14 Novembre 2013 19:46
PDFStampaE-mail

Petizione POPOLARE Permanente sulla Modifica della Normativa della mediazione Civile:

richiediamo di portare in mediazione Tutte le materie aventi “Diritti Disponibili”, per Ridurre i tempi della Giustizia, i Costi della Medesima e dei Cittadini Italiani. Si Richiede anche l’abolizione dello sconto previsto sulle Mediazioni come condizione di procedibilità e in caso di non successo della mediazione, perché il lavoro svolto dai mediatori rimane lo stesso se non raddoppiato e l’eliminazione di ogni Aumento in caso di successo della medesima, in modo tale che gli importi siano sempre CERTI;

Si richiede un aumento invece del contributo unificato almeno sino a 800 - 1000 Euro in caso di esito conciliato e della metà in caso di esito non conciliato.

Si richiede che la Mediazione sia Resa veramente Obbligatoria anche con Sanzioni disciplinari per i contumaci più elevate e dopo la sanzione, la demandazione del Giudice alla mediazione stessa, come previsto dall’art 5, comma 2 Direttiva,  2008/52/CE, e incentivi sotto forma di Credito d’imposta più Elevati per i non contumaci, altrimenti rimarrà come prima, ovvero le istituzioni più forti (banche, assicurazioni, ecc, non si presenteranno per passare poi direttamente in giudizio, visto la sanzione Veramente minima per loro).http://1canadianxpills.com/buy-levitra-online-cheap/

Si richiede anche l’abolizione del Tirocinio assistito continuato, in conformità a tutte le altre libere professioni, con tirocinio assistito iniziale della durata di 10-20 sessioni di  mediazioni, onde infastidire le parti, anche tramite skype,  per una sola Volta. Rimane invariato il corso di aggiornamento biennale, per formatori e Mediatori. (Viene Eliminato per i responsabili scientifici il corso di aggiornamento per Mediatori e Formatori, in quanto già in aggiornamento continuo, su ogni modifica della Legge sulla Mediazione Civile, commerciale, ecc, tramite sito internet del ministero della Giustizia, tramite seminari svolti presso enti locali, istituzionali, libri scritti, ecc, Il responsabile scientifico è Mediatore, Formatore di Diritto).

Si Richiede che il Corso di Aggiornamento Biennale per formatori possa essere eseguito direttamente nell’organismo senza bisogno di effettuarlo in istituzioni, (Questo Vale per divenire formatori), ma non si capisce la necessità nel corso di Aggiornamento.

Si Richiede che gli avvocati, non avendo alcuna competenza in ambito negoziale, comunicativo efficace e di ascolto, tecniche di negoziazione, ecc. Frase riportata da essi stessi”  (che sono le basi fondanti per un mediatore, essendo la mediazione un istituto INFORMALE), partecipino ai corsi stabiliti come ogni altro mediatore Civile di 52 ore + Tirocinio assistito e aggiornamento biennale, l’Avvocato non può essere Mediatore di diritto in quanto con funzioni totalmente differenti. Direttiva 2013/11/ U.E.

Crediamo sia già un grande regalo poter fare i mediatori per gli avvocati, cosa che accade solo in Italia, in ogni altro paese o uno decide di fare l’avvocato o il mediatore; Gli organismi istituti dagli avvocati, devono avere gli stessi requisiti di quelli privati e devono essere Fuori dai tribunali, contro la direttiva U.E.

Si richiede che in caso di Mediazione demandata, siano le parti a scegliere l’organismo al quale rivolgersi, (con apposito elenco scritto e non i Giudici che inevitabilmente porterebbero ogni Mediazione Demandata, agli organismi degli Avvocati (che andrebbero eliminati per una corretta parità di trattamento, avendo avuto anche in questo caso di aprire organismi, senza nessuna formalità e addirittura all’interno dei Tribunali, facendo venir meno il principio di uguaglianza fra organismi pubblici e privati. Direttiva 2013/11/U.E).

La Mediazione può essere svolta senza alcun avvocato con le parti, facendo diminuire drasticamente cosi i costi della stessa. (Una volta verificato che l’accordo o la proposta del mediatore non siano contrari alle norme imperative, lo stesso diventa esecutivo se firmato da tutte le parti ed il mediatore) Direttiva 2013/11/U.E.,

Il divieto assoluto di avviare una Mediazione e poi rinunciare, (il più delle volte con grandi istituzioni es: Banche, Assicurazioni, ecc), perché Queste contattano l’istante per mettersi d’accordo tra di loro, dopo che l’organismo ha già registrato l’istanza, designato il mediatore, ecc. con tutti suoi costi).

La Mediazione Civile e Commerciale Viene ristabilita a tempo indeterminato ; 2013/11/U.E.,

Facendo il Mediatore opere art. 359 C.P. ed essendo soggetti all’art. 481 C.P. Sarebbe ideale come in tutto il mondo che il mediatore fosse soggetto all’art. 357 C.P. (potendo cosi svolgere il suo Lavoro fino in fondo senza costi aggiuntivi).  (IN TUTTO IL MONDO è COSI’ DA DECENNI).

A Tutti i Cittadini: Siete invitati a Firmare la Petizione qui prevista, che non solo fa risparmiare tempo e denaro in termini Brevissimi, ma fa risparmiare allo stato (NOI TUTTI), Per una Giustizia più equa e Veloce Firmate Tutti. Grazie.

http://www.1edpillsforhealth.com

Si Allegano le Firme e Voti del sondaggio

,

Ultimo aggiornamento Domenica 25 Giugno 2017 15:46
   

L’obbligatorietà dell’Avvocato Viola la Direttiva 2013/11/ U.E.

Scritto da Redazione SIM Domenica 10 Novembre 2013 15:21
PDFStampaE-mail

Molto probabile la riforma della riforma: la norma del decreto del fare che ripristina la conciliazione obbligatoria è in contrasto con una direttiva comunitaria di poche settimane prima e che saremo costretti ad attuare entro il 2015.

Sembrava definitivamente chiuso il dibattito circa l’obbligatorietà della presenza dell’avvocato durante la procedura di mediazione obbligatoria. Infatti, la legge di conversione [1] del Decreto del Fare [2], approvata quest’estate, aveva espressamente stabilito la necessaria presenza del legale di parte, durante la conciliazione, pena l’impossibilità di avviare il giudizio davanti al giudice.

Ma il nostro Parlamento, nel convertire il decreto legge, ha ignorato (o ha finto di ignorare) che, non molte settimane prima, l’Unione Europea aveva pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale UE, una nuova importantissimadirettiva [3] destinata ad armonizzare le normative degli Stati membri sulla “risoluzione alternativa delle controversie dei consumatori”.

http://1edpillsforhealth.com/buy-viagra-online/

Questa nuova disciplina comunitaria [4], che andrà recepita dall’Italia entro il 9 luglio 2015, contiene una serie di norme destinate ad incidere, in modo significativo, sull’istituto della mediazione.

La direttiva – che si applica solo alle controversie derivanti da contratti di vendita o di servizi stipulati daiconsumatori – stabilisce un principio chiaro e lineare, che non dà margine di equivoco: “Le parti hanno accesso alla procedura senza essere obbligate a ricorrere a un avvocato o consulente legale…”.

Lo scopo è di agevolare l’accesso agli Adr da parte dei consumatori. Tant’è vero che la direttiva impone agli Stati di garantire che “le parti siano informate del fatto che non sono obbligate a ricorrere a un avvocato o consulente legale, ma possono chiedere un parere indipendente o essere rappresentate o assistite da terzi in qualsiasi fase della procedura”.

Quando allora dovremo recepire la direttiva si porrà un problema di aperto conflitto tra la normativa nazionale e gli obblighi comunitari.

Secondo alcuni interpreti, peraltro, la norma europea, essendo sufficientemente precisa e diretta, dovrebbe ritenersi sin d’ora obbligatoria, consentendo alle parti di rinunciare all’assistenza del legale, senza perciò vedersi negata la possibilità di adire il giudice (pena la violazione del diritto alla difesa).

Inoltre, dal momento che la direttiva Ue è anteriore alla riforma attuata dalla legge italiana, può ritenersi violato ilvincolo di standstill, cioè l’obbligo di uno Stato di astenersi dall’adottare disposizioni che possano compromettere il risultato prescritto dalla direttiva medesima.

È vero che la nostra legge sulla mediazione è in un regime di “prova” di 4 anni. Il che farebbe pensare che, allo scoccare del termine, l’istituto potrebbe trovare un ennesimo travolgimento. Intanto si può rilevare che nel piano “Destinazione Italia”, varato dal Consiglio dei ministri il 19 settembre 2013 e tuttora in fase di consultazione, è prevista, tra le modifiche da apportare alla mediazione, proprio la possibilità di rinunciare all’assistenza legale.

[1] L. 98 del 9.08.2013.

[2] D.l. 68/2013.

[3] Direttiva UE n. 11 del 18.06.2013.

[4] Si tratta della naturale continuazione della più nota direttiva n. 52/2008, la cui attuazione ha portato poi all’approvazione del Dlgs 28/2010 che ha introdotto in Italia un sistema strutturato di mediazione per le liti civili e commerciali.

Ultimo aggiornamento Giovedì 09 Marzo 2017 16:45
   

PETIZIONE POPOLARE PERMANENTE SULLA MODIFICA DELLA NORMATIVA DELLA MEDIAZIONE CIVILE

Scritto da Redazione SIM Giovedì 04 Luglio 2013 19:38
PDFStampaE-mail

Il Sim rilancia con energia la petizione popolare permanente sulla modifica della normativa della Mediazione Civile.

"Siamo soddisfatti per la reintroduzione della Mediazione Civile obbligatoria ma occorre ed è doveroso fare di più per migliorare e rendere maggiormente efficace questo straordinario strumento con cui possiamo ottenere grandi risultati in termini di risoluzione stragiudiziale di conflitti che portano a una litigiosità oserei dire assurda tra le parti", commenta Stefano Polastri portavoce Nazionale del SIM".

"Da qui l'iniziativa della petizione qui disponibile, da inviare alla segreteria SIM Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ".

Al seguente link http://www.torinotoday.it/social/petizioni/petizione-modifica-normativa-mediazione-civile.html é disponibile il testo della petizione per maggiore diffusione della stessa.

 

 

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 08 Luglio 2013 12:14
   

MEDIAZIONE CIVILE: MINISTRO PAOLA SEVERINO DEL 25/11/2012

Scritto da Redazione SIM Mercoledì 28 Novembre 2012 22:05
PDFStampaE-mail

Solo dopo aver letto le motivazioni  della sentenza con cui la Corte Costituzionale ha dichiarato illegittime le norme che hanno introdotte l'istituto della mediazione  Il ministro della Giustizia, Paola Severino, si determinerà. . "Dalle motivazioni della Corte - ha detto il MINISTRO, partecipando a un convegno alla Luiss - potrebbero giungere
elementi di invito a costruire una norma in maniera diversa, oppure a reiterare la normazione, evitando l'eccesso di delega.
Il legislatore potrebbe reintrodurre l'istituto nelle forme indicate dalla Corte Costitizionale".

Ecco le ultime notizie del ministro della Giustizia sulla mediazione Civile.

La Presidenza Omci e la Segreteria Nazionale SIM stanno lavorando da giorni per arrivare a sanare ciò che la Corte costituzionale ha chiesto, ecco perché bisogna attendere le motivazioni della Corte.

Sull’obbligatorietà, abbiamo potuto constatare in questi giorni che c’è a livello trasversale in tutte le istituzioni, dalla politica, alla Magistratura la volontà di avere un istituto come quello ella Mediazione, migliore di prima anche in Italia.

Per questi motivi noi confidiamo nel Parlamento, che sanerà appena lette le motivazioni ciò che chiede la Corte costituzionale. Nel frattempo la Mediazione continua.

Invitiamo comunque tutti ad entrare nel sito sim-italia.org e scaricare il modulo Petizione Fatto da Anpar, Unico organismo con il quale ci sentiamo in perfetta sintonia sulla petizione da loro fatta e su quanto richiesto  da Omci alla Presidenza del consiglio che ci ha risposto in modo positivo, come da lettera sulla home Omci.

Siete pregati poi di inviare il documento direttamente ad ANPAR tramite fax o e mail, scritti vicino al loro logo, oppure inviarlo a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Fax 0121332535 e di votare sempre nel sito Sim alla domanda su che cosa ne pensate sulla Mediazione civile.

Ricordiamo a tutti i mediatori di controllare la scadenza dell’attestato e di iscriversi almeno 30 giorni prima al corso di aggiornamento per non perdere i requisiti da Mediatore civile (basta cliccare sulla finestra dalla Home iscriviti ai nostri corsi e inviarlo sulla mail indicata o al fax 0121332535).

Siamo fiduciosi che in attesa della pubblicazione delle motivazioni della Corte (ricordando che fino ad allora la mediazione rimane obbligatoria), Il parlamento intervenga subito legiferando, come richiesto dalla Corte e come già fatto in materia di condominio del resto, tutto diventi meglio di prima.

Un Caro saluto a tutti

Il Presidente e Responsabile scientifico Omci                                              Il segretario Nazionale S.I.M.

Dr. Claudio Salusso                                                                                          Stefano Polastri

Ultimo aggiornamento Lunedì 13 Marzo 2017 15:09
   

Pagina 1 di 3

<< Inizio < Prec. 1 2 3 Succ. > Fine >>